Totale: 0,00
Totale: 0,00

Guarana proprietà, effetti benefici e falsi miti

Cos’è il Guarana?

In realtà il guarana è una pasta semidura ottenuta dai semi della Paullina cupana, pianta originaria del Brasile coltivata nel bacino della foresta amazzonica. Attualmente, il 70% dei prodotti ottenuti dalla coltivazione e lavorazione di questa pianta viene utilizzato per produrre bevande energetiche, mentre il resto viene consumato per infusione o sotto forma di polvere di guarana in capsule o per confezionare integratori.

I semi del guarana sono derivati ​​dai frutti della pianta che, una volta maturati, si aprono e fuoriescono per mostrarsi ai potenziali consumatori. La lavorazione tipica dei semi prevede che questi vengano raccolti, tritati e poi mescolati con acqua fino ad ottenere una pasta. La pasta così ottenuta viene poi essiccata sotto forma di rotoli e commercializzata.

I processi alternativi prevedono anche una leggera tostatura dei semi di guarana che, a contatto con il calore, si disidratano, favorendo la successiva molitura (macinazione fine). La preparazione della bevanda avviene con un procedimento simile a quello del tè, facendo bollire dell’acqua e mettendo all’interno la pasta secca affinché avvenga l’estrazione. La bevanda che ne deriva è rinfrescante e ha proprietà energizzanti. Il sapore leggermente amarognolo e astringente è dovuto alla presenza di caffeina e polifenoli (tannini). Un altro formato di vendita è quello liofilizzato, cioè sotto forma di polvere di guarana, anche in questo caso utilizzato per preparare una bevanda.

Quali sono come vengono confezionati gli integratori di guarana?

  • Estratto di guaranà

Gli estratti sono il prodotto ottenuto a seguito dell’estrazione dei principi attivi dalla materia prima. Per ottenere l’estratto di guarana, si inizia rimuovendo la polpa del frutto dai semi, essiccandoli a temperatura controllata fino ad un’umidità dell’8-10%. Il controllo della temperatura permette di non danneggiare i composti contenuti nei semi di guarana. Una volta asciutti, i semi vengono macinati e messi a contatto con un solvente (un liquido in grado di estrarre composti dalla polvere di semi) per l’estrazione.

Dopo l’estrazione, i semi vengono rimossi dal diluente e nuovamente lavati per rimuovere altre sostanze attive. Successivamente, i prodotti dei lavaggi e dell’estrazione iniziale vengono combinati in modo da garantire un contenuto minimo di principi attivi (ad esempio la caffeina). La soluzione viene quindi lasciata raffreddare e le sostanze indesiderate separate da essa mediante precipitazione. Al termine del processo segue una filtrazione finale che garantisce la purezza dell’estratto.

  • Integratori di guarana

Gli estratti vengono utilizzati per preparare integratori alimentari di guarana o prodotti farmaceutici.

La differenza sostanziale rispetto ad un alimento è la quantità di principi attivi che troviamo nei prodotti. Infatti molto spesso accade che per ottenere l’effetto benefico attribuito ad un composto attraverso il consumo di un alimento, se ne devono consumare quantità eccessive. Questo può essere compensato utilizzando un estratto.

  1. Integratori per lo sport energizzanti
  2. Integratori per dimagrire
  3. integratori per la bellezza e la salute del corpo
  4. integratori per il piacere

Prodotti consigliati

  • bevanda energetica,
    integratori pre-allenamento.

A questi effetti si aggiungono i benefici sull’attenzione e sulla memoria, dimostrati attraverso studi condotti sull’uomo. I prodotti ottenuti da questa pianta, insieme ad altri come il tè e il caffè, fanno parte di una categoria di alimenti chiamati cibi nervosi. La particolarità dei cibi nervosi è che contengono composti in grado di interagire con il sistema nervoso, principalmente come stimolanti.

Un’altra proprietà che alcuni studi attribuiscono al guarana è la capacità di influenzare positivamente il metabolismo lipidico e aumentare sia il metabolismo basale che il calo ponderale.

Guaranina, Teofillina, Teobromina

Il composto responsabile delle spiccate proprietà energizzanti del guarana si chiama guaranina. Questa molecola, in realtà, non è altro che caffeina presente nei semi in quantità variabili, dal 3 al 5%. Anche in questo caso, analogamente a quanto avviene per la teina, si usa usare un nome diverso per lo stesso composto. Questo fenomeno è dovuto al fatto che molti nomi venivano attribuiti ai composti prima che fosse possibile identificarli con precisione. Oltre alla caffeina, troviamo altre due molecole che possiedono attività nervina: la teofillina e la teobromina.

 

Questi tre composti sono alcaloidi purinici, così definiti perché la loro origine è collegata a quella delle basi puriniche adenina e guanina che costituiscono i nucleotidi ei nucleosidi. In questo caso si ritiene che la teobromina sia responsabile della lieve azione diuretica del guaranà, mentre la teofillina ha un’azione stimolante simile a quella della caffeina e funge da broncodilatatore.

Questi elementi sono presenti nel guaranà in dosi molto inferiori rispetto alla caffeina: si parla di 0-0,25% nel caso della teofilina e dello 0,2-0,02% per la teobromina.

Effetti benefici del guaranà

Diversi benefici sono stati mostrati anche negli adulti che hanno usato costantemente il guarana. Il consumo abituale sembra portare a una minore incidenza di:

ipertensione,
obesità,
sindrome metabolica.

Oltre ai benefici attribuibili al contenuto degli alcaloidi sopra descritti, molto importanti sono le proprietà antiossidanti. Per i semi di questa pianta, infatti, il contenuto di polifenoli è di circa il 7-9%. Sono presenti principalmente tannini condensati come catechine ed epicatechine.

Prodotti consigliati

Your Product Table post is not published properly. Click here to create a new Product Table

Curiosità

La parola “guaranà” ha un significato specifico in alcuni dialetti dei popoli indigeni amazzonici. Il termine è tradotto con l’anglosassone “vine” o vine. Ciò è dovuto al fatto che le piante di guaranà, allo stato selvatico, crescono molto in alto (fino a 10 metri) arrampicandosi sui rami di altri alberi. Inoltre, i frutti del guaranà sono raggruppati in strutture a grappolo e prima di aprirsi al momento della raccolta cambiano tonalità dal verde scuro al giallo-marrone o al giallo-arancio intenso.

Una seconda curiosità riguarda una caratteristica fondamentale per la sua identificazione. Questo consiste nel fatto che, a maturazione, i frutti del guaranà si aprono e diventa visibile il loro interno bianco. Dalla parte più interna emerge il seme nero che crea un forte contrasto visivo dando l’impressione di guardare un occhio umano.

Conclusioni

Il guaranà, insieme alle altre piante utilizzate per ottenere i cibi nervosi, è un ottimo supporto sia per le proprietà energizzanti che antiossidanti. Consumare regolarmente, senza eccedere, queste bevande o gli estratti di queste piante può essere considerato una strategia vincente per affrontare al meglio problemi come la stanchezza mentale causata dallo stress.

 

 

 

X